"Dei tre cavalli che corrono per Palazzo Marino, Albertini sembra il meno interessato alla gara. Mi ricorda Ribot, che a prima vista nessuno avrebbe dato come vincente, non avendo l'aspetto del grande galoppatore di classe; che quando veniva accompagnato al paddock per essere mostrato al pubblico osannante e girava con gli altri cavalli si vedeva chiaramente che era infastidito da tanto clamore e da tanta attenzione. Ribot appariva quasi neghittoso e mostrava una certa insofferenza per questa esibizione. Poi scendeva sulla pista, correva da par suo, vinceva con tre lunghezze di distanza e se ne andava ancora più seccato di prima tra le acclamazioni della folla"
Indro Montanelli (maggio 1997)

"Quest'uomo dall'apparente remissività, persino umile, che mai alzerebbe la voce o pesterebbe il pugno sul tavolo, di un'ingenuità quasi fanciullesca - ricordate quando si mise in mutande alla sfilata di Valentino? - è un duro che si spezza ma non si piega né tanto meno si impiega"
Indro Montanelli (aprile 2001)

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 11

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 10

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 9

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 8

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 7

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 6

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 5

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 4

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 3

TELECITY, ARIA PULITA, 11 luglio 2016 – parte 2

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close