Sintonizzati con Bruxelles – Commissione AFET-DEVE con il Segretario ONU Ban Ki-moon (ottobre 2010)


Era dal 2004 che un segretario delle Nazioni Unite non metteva piede alla plenaria del Parlamento. Allora era toccato a Kofi Annan, mentre oggi, per la prima volta, è stato il coreano Ban Ki-moon a rivolgersi ai deputati nell’Aula di Strasburgo. E’ stato per me un grande onore e una grande occasione ospitarlo proprio durante la commissione AFET-DEVE che ho co-presieduto. Tre gli argomenti all’ordine del giorno: lotta alla povertà, il cambiamento climatico e le armi nucleari. Non è mancata però, in aggiunta, una sferzata alle politiche immigratorie di alcuni paesi UE, che “giocano sulle paure della gente”, ostacolando un vero processo di integrazione. Il segretario Onu – parlando della lotta alla povertà – ha sottolineato come nella situazione attuale ci sia l’urgenza “di trasformare i discorsi in azioni”. Nel vertice del mese scorso delle Nazioni Unite sui cosiddetti “Obiettivi di Sviluppo del Millennio”- ha ricordato Ban Ki-moon – i singoli Stati hanno preso forti impegni. Oggi è arrivato il momento di metterli in pratica. Inutile dirlo: gli ostacoli sono sempre in agguato, aggravati dalla stagnazione in cui sono finite le trattative sul commercio. Ma non bisogna usarli come alibi. “Chiudere il portafoglio ora vuol dire rifiutarci di affrontare le sfide comuni”, ha continuato il segretario ONU, esortando i deputati a sostenere le Nazioni Unite. “Un miliardo di persone va ancora a letto affamata ogni sera. Quest’anno già 64 milioni di persone sono precipitate in un livello di povertà estremo”. Un messaggio chiaro anche sul cambiamento climatico, sul quale i governi devono cercare di trovare un accordo. “Più ritardiamo, più dovremo pagare in perdita di competitività, risorse e vite umane”, ha sostenuto, ricordando un dato sempre più evidente: “i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo non si fidano l’uno dell’altro. Una mancanza che può essere colmata soltanto attraverso sostegni finanziari ai paesi che ne hanno bisogno”. Anche per questo ha esortato le nazioni più ricche a pagare la loro parte dei 30 miliardi di dollari per il 2010-2012 come stabilito a Copenaghen, durante la conferenza internazionale sul clima. Il segretario ONU è poi passato a parlare di armi nucleari e di distruzione di massa, per “contrastare il rischio che armi così pericolose finiscano nelle mani dei terroristi”. Ban Ki-moon ha concluso l’intervento bacchettando l’Europa, ammirata da tutti per il suo esempio di integrazione eppure incapace di risolvere il problema immigrazione. “Sono passati quasi sette anni da quando il mio predecessore Kofi Annan ha parlato di immigrazione davanti a quest’aula”, ha sostenuto. “Oggi mi piacerebbe dire che la situazione è migliorata, ma non posso che affermare, come amico dell’Europa, che condivido con voi una profonda preoccupazione”. Disoccupazione, discriminazione, mancanza di pari opportunità nelle scuole e sui luoghi di lavoro: è ancora questa la vita degli immigrati in Europa anche per colpa del populismo. “C’è chi gioca sulle paure della gente e invoca valori liberali per cause che di liberale non hanno niente, accusando i migranti di non rispettare i valori europei”.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud